Manifesto contro la città museo

Autore

“L’aria della città rende liberi”, così diceva un proverbio tedesco dell’età medievale che sinistramente anticipava quell’“Arbeit Macht Frei” che campeggiava all’ingresso di Auschwitz

Mai detto si rivelò più fallace, poiché lo spopolamento della campagne e la distruzione del tessuto comunitario in esse presenti, un disegno perseguito in maniera sistematica secolo dopo secolo, ha rappresentato semmai una minaccia tangibile per la qualità della vita delle genti. Pensiamo soprattutto alla genesi delle grandi città nel paese della Rivoluzione Industriale, ossia l’Inghilterra, formicai infernali sovrappopolati di sottoproletari che vivevano in condizioni di povertà assoluta, con tassi di mortalità infantile e di denutrizione raramente toccati in altri periodi della storia. Queste ed altre città-dormitorio vanno intese per ciò che effettivamente erano: strumenti di dominio esercitato tramite un abbassamento delle condizioni di vita rispetto alla vita rurale ed anche – non meno importante – attraverso la distruzione di un ricco patrimonio pratico e simbolico di conoscenze che la civiltà contadina e marinaia aveva sino a quel punto raggiunto (si consiglia a tal proposito la lettura del libro di Peter Laslett, “Il Mondo che abbiamo perduto”). Oggi vi parlano della Rivoluzione Industriale come l’avvio delle “magnifiche sorti e progressive” dell’era tecnologica e del Medioevo come un’epoca di puro oscurantismo, ma, come spesso accade, le cose sono alquanto più complesse…

Il nostro caso italiano, per molti versi, ha poco a che spartire con queste realtà nordeuropee di cui parlavamo: viviamo nel Paese delle città d’arte e in esse la vita si è svolta sempre attraverso un complessivo disegno di armonia, al pari di quello delle piccole comunità. Ancora oggi la meraviglia architettonica diffusa dei nostri centri storici rappresenta a livello simbolico un antidoto contro la società del brutto massificato che minaccia la nostra umanità giorno dopo giorno. Per noi città non significa ciò che tale parola ha significato altrove, ma ciò non significa che non vi siano in atto anche qui pratiche di dominio e di sradicamento ugualmente perniciose…

Ecco dunque irrompere nella Storia l’idea della “città museo” o “città vetrina”, un centro urbano concepito interamente per masse desideranti e dall’immaginario desertificato di turisti globali e negato ai propri residenti, espulsi da esso per ragioni economiche, logistiche, ecc…

Questo disegno criminoso porta con sé la morte della città, poiché se elimini una comunità vivente da un lato e musealizzi la realtà dall’altro, avrai come ovvia conseguenza quella di rapportarti con un simulacro di città, una pura rappresentazione idealizzata, priva di quei contrasti che rendono viva una città, per i residenti come per i visitatori.

Firenze, la città dove sono nato e dove abito, rappresenta questo paradigma erroneo in maniera esemplare, un magnifico salottino senza vita vera in cui ogni forma di “contrasto” è rappresentato sotto forma di pura commediola. Si crede di preservare una storia e invece la si separa dalla gente, creando una bolla imperforabile

Poiché la “città museo” non divenga definitivamente “museo”, occorre ripensare totalmente il ruolo che turismo e residenti hanno nei confronti di queste realtà, incentivando il ritorno delle vere attività produttive nei centri urbani e disincentivando tutto il turismo “mordi e fuggi” che rappresenta oramai il dato numerico più rilevante, non costituendo neanche una reale risorsa per le città da esso colpite.

Tra le tantissime proposte perché le nostre città tornino alla vita mi permetto di indicarne cinque:

  • Interrompere immediatamente la controversa e ideologia del “decoro”,di fatto una forma di repressione meramente “formale”, puntualmente contraddetta dalla svendita dei centri storici a sponsor e a privati, come dall’antiestetico utilizzo di installazioni di arte contemporanea totalmente avulse dal contesto o da scelte urbanistiche scellerate. Reinserimento, responsabilizzazione di locali e non in una idea di nuovo civismo partecipato.
  • Nuova centralità delle cosiddette periferie, che devono diventare il teatro privilegiato di eventi, creando veri e propri “distretti tematici”, valorizzando aree dismesse, strutture industriali etc… Utilizzare questi luoghi come laboratorio per architettura e arte contemporanea e non.
  • Cessazione della politica dei “grandi eventi”, enormi concerti una tantum che funzionano come fugace spot, ma che non hanno alcuna incidenza reale sul tessuto cittadino. Reinvestire tali risorse per una proposta capillare e continuativa di eventi più piccoli che facciano vivere le varie zone della città, anche come antidoto a degrado, piccola criminalità, etc…
  • Libera circuitazione delle conoscenze, onde evitare fenomeni di concentrazione delle competenze ed aprire a personalità super partes l’ideazione di nuove pratiche culturali.
  • Rilancio attivo dell’artigianato locale, non solo in termini della vendita di oggetti, – con una ferrea disciplina dei prodotti imitativi e delle contraffazioni – ma anche rilanciandone la pratica con grandi scuole e laboratori atti allo scopo.

Queste e altre proposte possono essere ovviamente declinate specificamente rispetto alle singole realtà, ma ritengo questi i paradigmi minimi per imporre una svolta.

Questo manifesto è un tentativo “in fieri” che può essere integrato da contributi, idee, suggerimenti.

 

 

(Firenze, 30 aprile 1980) è un saggista, critico musicale e compositore italiano. È cofondatore del collettivo musicale sperimentale Nihil Project e tra il 1998 e il 2006, con questa e latre formazioni pubblica cinque album. Sotto la denominazione di Solchi Sperimentali, oltre ai tre volumi omonimi, Cresti lancia, a fine 2016, un progetto parallelo di documentazione audiovisiva dello stato dell’arte dell’underground musicale contemporaneo in Italia. È autore delle seguenti opere: U.K. on Acid; L'Immaginazione al podere; Fish and Chips; Fairest Isle; Lucifer over London; Come to the Sabbat; Solchi sperimentali; Solchi sperimentali Italia; Ho trovato l'Inghilterra!; Solchi sperimentali Kraut. È…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *