Pericolo 5G, inquietanti retroscena dal Ministero della Salute

Autore

Il 5G è fuori legge? Privo di studi preliminari sugli effetti socio-sanitari per la popolazione irradiata da inesplorate radiofrequenze a microonde millimetriche, nelle Smart City la fase sperimentale è partita senza il preventivo parere sanitario obbligatorio dal 1978 (legge 23 dicembre, n° 833), tra le competenze del Servizio Sanitario Nazionale nei “controlli sulla produzione dell’energia termoelettrica”.

Il 5G produrrà infatti enormi sprechi di energia elettrica, prevista l’installazione di oltre un milione di nuove mini-antenne a radiofrequenze da sommarsi alle quasi centomila (tra 2G, 3G, 4G, Wi-Fi e Wi-Max) già esistenti in Italia. Tramite regolare richiesta di accesso agli atti amministrativi, un’associazione di malati cronici affetti da gravi patologie ambientali sostiene di aver scoperchiato il vaso di Pandora, ritrovate nelle risposte fornite un sostanziale nulla di fatto che inchioderebbe Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute per l’inadempienza su un passaggio tutt’altro che formale. Per legge, un parere sanitario sul 5G andava espresso, e nessuno l’ha fatto. Né prima ma neppure dopo la messa all’asta dei tre lotti di nuove frequenze vendute alle aziende per ben 6,55 miliardi di Euro.

Intanto tre esposti (due al tribunale di Prato, uno a Viareggio) sono già finiti in Procura: centinaia di cittadini seriamente preoccupati chiedono ai magistrati di indagare sull’eventuale consumazione di reati contrari al diritto costituzionale di tutela della salute pubblica.

 

| Una mail svela che… |

E che il 5G sia sfuggito di mano al Governo del “cambiamento” e  che il Dicastero di Giulia Grillo stia letteralmente navigando al buio, lo svela poi anche il contenuto di una email interna (ora in nostro possesso, con l’autorizzazione del destinatario), prodotta niente meno che dalla segreteria particolare della ministra su alcuni quesiti posti da un consigliere comunale pentastellato trentino, firmatario in Aula di un paio d’interrogazioni sui rischi per umanità ed ecosistema del wireless di quinta generazione:

“Deve essere permessa la libertà di scegliere se autorizzare un elettromagnetismo di tale portata!”.

Sette mesi dopo l’inchiesta televisiva di Report (Rai Tre, era il 26 Novembre 2018: www.rai.it/dl/docs/1544010034619ISS_rispostaReport.pdf) invece di fornire prove e aggiornamenti, il ministero continua invece a trincerarsi dietro un nulla di fatto, ripetendo come un mantra le frasi dell’Istituto Superiore di Sanità secondo cui che “i dati disponibili non fanno ipotizzare particolari problemi per la salute della popolazione connessi all’introduzione della tecnologia 5G”, mentre organismi consultivi internazionali come il Comitato Scientifico sui rischi sanitari ambientali ed emergenti (SCHEER) della Comunità Europea affermano che il “5G lascia aperta la possibilità di conseguenze biologiche”, l’Alleanza Contro il Cancro (fondata dal Ministero della Salute, ne fa parte pure l’Istituto Superiore di Sanità) sta studiando le cause di un tumore maligno al cervello (glioblastoma) puntando sull’invisibile inquinamento dei cellulari, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (OMS) ha ufficializzato la rivalutazione della classificazione della cancerogenesi delle onde non ionizzanti, radiofrequenze riviste in Classe 2A (probabili cancerogeni) se non addirittura in Classe 1 (cancerogeni certi) mentre tra gli studi per le nuove polizze vita la nota compagnia d’assicurazioni Swiss Re menziona il 5G tra le minacce emergenti.

Il problema, al dunque, è che il Ministero della Salute non può permettersi di affermare che “i dati disponibili non fanno ipotizzare particolari problemi per la salute”, perché il suo ruolo è proprio quello di farsi carico di garantire l’innocuità, cioè la sicurezza, la non pericolosità di un prodotto pensato per una diffusione ubiquitaria e permanente tra la popolazione. Domanda.

Chi mai acquisterebbe un’autovettura, mettendosene alla guida o all’interno, sapendo che non sono stati scongiurati particolari difetti che potrebbero nuocere alla vita degli occupanti? Cioè: la macchina è sicura, si o no?

Certo, allargando il discorso, per esempio è vero che i farmaci possono far male, mantenendo comunque una probabilità di effetti collaterali indesiderati: ma la vendita dei farmaci è supportata da informazioni obbligatorie sui rischi, notizie non opzionabili né marginali che per una consapevolezza sull’effetto debbono essere lette e valutate attentamente prima della somministrazione. Non si può mettere in commercio un prodotto senza che la popolazione sia informata dei rischi per la salute, e questo a maggior ragione vale se l’esposizione, cioè anche un suo consumo passivo, non può essere evitata. Ed è proprio il caso del 5G e dell’elettrosmog. Perché il farmaco, alla fine, posso essere io che lo prendo più o meno consapevole degli effetti, rischi e benefici. Il campo elettromagnetico del 5G, le radiofrequenze onde non ionizzanti millimetriche no, quelle – come nell’email giustamente faceva notare alla ministra il consigliere 5 Stelle che ha scritto del 5G riferendosi ad una “grave minaccia per i Comuni italiani”sono tenuto a subirle per l’inerzia dello Stato, cioè le subisco anche se non lo voglio.

Ma non finisce qui. La gravità delle affermazioni della segreteria particolare del Ministro della Salute della Repubblica Italiana (il 5G colpirà indistintamente 60 milioni di civili se è vero che servirà il 99% della popolazione, coprendo a tappeto il 98% del territorio nazionale 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno) è poi nei passaggi in cui si afferma persino l’opportunità di considerare

“un approfondimento su eventuali effetti indiretti di interferenza elettromagnetica con i dispositivi medici impiantati (soprattutto quelli installati sulla superficie del corpo), tema sul quale i dati di letteratura scientifica sono più limitati per le frequenze più elevate,”

spingendosi a precisare che

l’eventuale impatto sulla salute della tecnologia 5G si inquadra nel tema più ampio dei possibili rischi sulla salute delle radiofrequenze e microonde!”.

Tradotto in parole povere, non avendo letteratura biomedica al riguardo, il ministero lascia intendere che tutti i portatori di pacemaker, dispositivi medici impiantati sotto pelle, potrebbero subire interferenze dannose per l’overdose d’elettrosmog prodotta nell’aria. Cioè, si troverebbero a fare da cavie umane. E per tutto il resto della popolazione?

 

| Una moratoria per fermare subito il 5G |

Giornate di mobilitazione nazionale STOP 5G 15-21 Giugno 2019, un cartello di eventi per la precauzione promosso dall’alleanza italiana Stop 5G.

Se è falsa l’affermazione che “i possibili rischi sulla salute delle radiofrequenze e microonde” siano alla costante attenzione del Ministero (con sentenza 500/19, per altro senza imbarazzo appellata persino dall’Avvocatura dello Stato, il Tar Lazio ha condannato tre dicasteri, tra cui Salute, per il protrarsi dell’inadempienza iniziata addirittura nel 2001 nell’assenza di avvisi obbligatori sui rischi da campi elettromagnetici di cellulari, cordless (ecc..), risulta infine assurda l’espressione sull’ampio “filone di studi e ricerche condotti a livello nazionale e internazionale” sulle radiofrequenze, perché se fosse veramente vero quanto affermano dagli uffici del Lungotevere, una e una sola soltanto potrebbe essere a questo punto la possibilità giuridica in capo alla pubblica amministrazione sanitaria: fermare subito il 5G con una moratoria di Governo, arrestare lo sviluppo delle tecnologie potenzialmente nocive, rivedendo i limiti di esposizione al campo elettrico verso il basso.

Verso i più sicuri 0,6 V/m, altro che la media delle 24 ore degli attuali 6 V/m che si vorrebbe spingere fino a 61 V/m. Ma non scherziamo!

MAURIZIO MARTUCCI, giornalista e scrittore d’inchiesta, è autore di numerosi saggi tra cui il ‘Manuale di autodifesa per elettrosensibili’ (Terra Nuova), il primo libro italiano in cui sono svelati i lati oscuri del 5G e i pericoli dell’elettrosmog. Ideatore del sito Oasi Sana, collabora con diverse testate giornalistiche tra cui Avvenire e Il Fatto Quotidiano ed è portavoce nazionale dell’alleanza italiana Stop5, rete informale della società civile nata nel 2019 all’indomani del 1° meeting nazionale Stop 5G di Vicovaro (Roma): oltre associazioni, comitati, avvocati e numerosi malati affetti da patologie croniche invalidanti, aderiscono all’alleanza trasversali rappresentanze politiche, sigle di consumatori,…

Commenti 6

  1. IO non oso immaginare i danni che può fare il g5 so soltanto che sono intollerante da parecchio tempo alle frequenze ad oggi in uso ,è una porcata quella che stanno facendo ,ma sotto lo stesso tetto ci sono anche loro.Per il Dio denaro va tutto bene,mi dispiace tanto per i poveri bimbi , l’inquinamento che c’è non basta,dobbiamo portare a termine l’opera.

  2. Innanzitutto mancano le fonti di molti dati riportati. Poi l’affermazione “Il 5G produrrà infatti enormi sprechi di energia elettrica” è una stupidaggine: secondo voi, gli operatori telefonici sarebbero contenti di sprecare enormi quantità di energia elettrica e quindi di soldi? La rete 5G è molto capillare e prevede meccanismi adattivi che consentono di dosare la potenza delle emissioni in funzione del traffico, efficientando così i consumi. Inoltre, la presenza di molte antenne farà sì che esse possano “sparare” segnale a potenze più basse rispetto alle antenne attuali.
    La richiesta di fermare il 5G secondo me è irragionevole, semmai potreste chiedere di limitarlo per ora alle frequenze 700 MHz 3 3.7 GHz (non sono onde millimetriche ma onde simili a quelle dell’attuale 3G e 4G), nell’attesa che si completino gli studi sulle onde millimetriche e quindi sulla banda 26 GHz

    1. E’ semplice: basta pagare e anche il ministero della cattiva salute fa lo gnorri sulla legge obbligatoria della previa valutazione della pericolosita’ delle nuove tecnologie sulla salute, ma 6,55 miliardi di euro vincono e con-vincono, come sempre, non c’e’ da meravigliarsi

  3. perche’ hanno cambiato la normativa che bastava un solo condomino per non installare l’antenna 5g? PERCHE’ IL MINISTERO DELLA SALUTE , nonostante NON SIA PROVATA adeguatamente la non pericolosita’ chiude gli occhi e non si oppone? Pensano tutti di poter comprare tutto compresa la nostra salute con il denaro? Quando l’OMS avra’ certificato dopo prove trasparenti che i topolini usati come cavie non moriranno piu’ allora i vari politicanti addetti potranno discutere IN PARLAMENTO la eventuale possibilita’ di installarle o meno TENENDO ANCHE PRESENTE I TIMORI DEL POPOLINO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *